Gli orrendi stalli non sono di vernice indelebile , ma a lenta degradazione

Gli "infelici" stalli saranno sostituiti e saranno presto un brutto ricordo

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
24 Novembre 2021 19:07
Gli orrendi stalli non sono di vernice indelebile , ma a lenta degradazione

Mentre si discute se riaprire al traffico veicolare il Sistema delle piazze, se ne sarebbe dovuto parlare anche in Consiglio Comunale, scoppia il caso delle strisce per gli stalli del mercatino delle pulci che un giornale locale ha definito indelebili e che a quanto pare indelebili non sono affatto. Ma andiamo con ordine, nel corso del consiglio comunale di stamattina si sarebbe dovuta discutere la mozione presentata dai consiglieri pentastellati, quindi di governo, Marcello Craparotta e Anna Maria Livreri sulla riapertura a fasce orarie dal lunedì al venerdì con percorribilità ad unica corsia, e la richiusura nel week-end, perché a loro dire il passaggio delle auto favorirebbe le poche attività commerciali rimaste.

Sull’argomento in tanti si sono pronunciati da Orgoglio castelvetranese, a Italia Nostra da Legambiente a varie forze politiche per confermare il totale dissenso, e questa mattina, a causa dell’assenza, per ragioni strettamente personali , di Craparotta, la discussione della mozione è stata rinviata al prossimo consiglio comunale. Per quel che riguarda le strisce , sicuramente orrende ed inopportune ne ha parlato in altra parte del giornale anche il prof. Giacomo Bonagiuso, potrete leggere il pezzo al seguente link: https://www.primapaginacastelvetrano.it/lelzeviro-di-bonagiuso-nel-cuore-delle-piazze-un-segno-di-approsimazione, abbiamo fatto una ricerca per ristabilire la verità dei fatti, come dovrebbe fare ogni giornalista che si rispetti, a maggior ragione quando si è bravi a puntare sempre il dito sulle altrui magagne.

Siamo venuti in possesso della bomboletta incriminata, che vi mostriamo nella foto allegata, che parla di vernice a lenta degradazione, non indelebile, che scompare nel giro di 9-10 mesi, anche in assenza di trattamento o di pulizia. Dall’amministrazione ci hanno assicurato che nell’immediatezza si cercherà di apporre una vernice, anche questa non indelebile, di colore bianco per cercare di eliminare questo fastidioso colore rosso. Ciò non toglie che la scelta di utilizzare una bomboletta e non altri sistemi meno invasivi per segnare questi stalli, rimanga una notevole leggerezza che auspichiamo possa essere presto sanata con una pulizia straordinaria, senza aspettare i mesi indicati sulla bomboletta e che per il futuro si possa avere maggiore cura ed attenzione per quello che rimane il cuore della città e che deve tornare a pulsare di iniziative sociali e culturali.

Foto gallery
In evidenza