Ieri seduta secretata in consiglio per discutere della incompatibilità del consigliere Aldo Tripoli, rimane sospesa la sua posizione

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
26 Febbraio 2021 08:58
Ieri seduta secretata in consiglio per discutere della incompatibilità  del consigliere Aldo Tripoli, rimane sospesa la sua posizione

Si parla tanto di Dante in questi giorni in Italia ed allora è facile citarlo pensando alla situazione del consigliere comunale  del Movimento 5 Stelle Aldo Tripoli che rimane “tra coloro che sono sospesi”. Ricorderete la vicenda ne parlammo lo scorso 4 febbraio quando la seduta di insediamento del Tripoli, che avrebbe dovuto surrogare il dimissionario Maurizio Bonasoro, fu particolarmente accesa perché venne fuori che lo stesso aveva dei debiti con l’Ente, Potrete rileggere la storia al seguente link: https://www.primapaginacastelvetrano.it/insediamento-con-giallo-per-il-nuovo-consigliere-tripoli-virzi-solleva-la-questione-morale-ci-sarebbero-debiti-con-lente-e-la-maggioranza-va-al-tappeto/ Ieri mattina in consiglio comunale come primo punto all’ordine del giorno si è discusso sulla incompatibilità del consigliere Tripoli tale atto deliberativo era stato già bocciato dal consiglio comunale lo scorso 3 febbraio in quanto il consiglio aveva ritenuto che non fossero state eliminate le condizioni di incompatibilità dello stesso.

Nella seduta di ieri è stato riproposto l’atto deliberativo nella speranza che nel 10 giorni disponibili dati al consigliere Tripoli, dopo la bocciatura dell’atto deliberativo, lo stesso avesse rimosso le cause di incompatibilità così non è stato ed in consiglio comunale c’è stato un acceso dibattito a volte con contrasti forti tra maggioranza ed opposizione in quanto, in seguito alle dichiarazioni effettuate dal responsabile dell’ufficio tributi Dottor Michele Grimaldi e dal segretario vicario avvocato Francesco Vasile non è emerso in maniera chiara l’eliminazione delle cause di incompatibilità da parte del consigliere Tripoli .

Dopo un lungo dibattito il consigliere Filippo Foscari ha proposto di procedere ad una seduta secretata per non ledere la privacy del consigliere e quindi si sono dovute spegnere le telecamere e si è interrotta la trasmissione in streaming della seduta. Ai nostri microfoni il consigliere , nonché vice-sindaco Filippo Foscari ha così risposto: “ I temi toccati, inesorabilmente, entravano nella sfera personale del consigliere, per cui è  stato corretto secretare gli atti della seduta consiliare- continua Foscari- il risultato della votazione darà  agli uffici la possibilità di poter certificare con precisione la posizione dell'interessato a tutela dello stesso consigliere e a garanzia di chi si esprimerà nella prossima  e decisiva votazione.” Cosa accadrà adesso?  Il consiglio comunale, intanto nel corso della seduta a porte chiuse, dopo ampio dibattito, ha  bocciato nuovamente l’atto deliberativo in esame in quanto ha  ritenuto che le cause di incompatibilità non siano state totalmente eliminate da parte del consigliere Tripoli.

A questo punto il consigliere Tripoli rischia di decadere definitivamente dalla carica di consigliere a meno che nel lasso di tempo  di ulteriori 10 giorni, non  chiarirà la posizione ed eliminerà definitivamente le cause di incompatibilità.   A.Q.

In evidenza
Ti potrebbe interessare