SSD Dattilo 1980, è crisi: pari beffardo al 95'

I biancoverdi l'avevano sbloccata al 91'. Nonostante la superiorità, il gioco non convince affatto.

Mirko
Mirko Ditta
11 Aprile 2021 18:20
SSD Dattilo 1980, è crisi: pari beffardo al 95'

Finale beffardo per il Dattilo che ha pregustato il ritorno alla vittoria contro la Polisportiva Santa Maria Cilento. Una doccia gelata per i biancoverdi raggiunti al 95' dalla rete di Maggio.

Una partita difficile per il Dattilo che ha provato a tenere alti i ritmi sin dalle prime battute di gioco senza però costruire alcune azione di gioco rilevante. Tanta fretta, tanto giro palla fine a se stesso e poca lucidità nella costruzione del gioco; merito anche di un Cilento ben messo in campo, a concedere pochi spazi alla manovra a singhiozzo locale. Bisogna attendere solo il 37' per la prima azione degna di nota con un tiro centrale di Bonfiglio, bloccato da Polverino. È però un Dattilo abulico che chiude in avanti il primo tempo con la traversa su punizione di Sekkoum. Al 45' la svolta per la doppia ammonizione all'indirizzo di De Gregorio, uscito poco prima dal campo per un infortunio e rientrato senza l'autorizzazione del signor Frasynyak.

Al rientro in campo, il Dattilo va vicino al vantaggio al 49' con Manfrè che ha provato il tocco sotto su Polverino, bravo ad opporsi. Si gioca ad una sola metà campo; il Cilento rinuncia di attaccare ma rischia di passare avanti al 70' con la girata di Maggio che impegna Giappone, reattivo. Passano i minuti, Chianetta rivede qualcosa a livello tattico passando ad un 4-2-4 con Di Giuseppe e Manfrè ed Iraci largo a destra. All'82' Polverini risponde ad una girata al volo di Lupo su situazione di angolo. Al 90' l'episodio del rigore: Manfrè prende posizione in area e viene messo giù da Campanella. Calcio di rigore nel primo dei sei minuti di recupero trasformato da Bonfiglio che sceglie la soluzione centrale. 1-0 e delirio al "Provinciale". Da gioia a delusione perché il Cilento si catapulta in avanti; difesa sorpresa e Maggio freddissimo a battere il portiere. Al triplice, arrivato al 97', è solo 1-1.

Incredibile epilogo: poteva tramutarsi in un contro riscatto, soprattutto mentale, per i pacecoti che sono ancor più dentro ad una crisi da cui attualmente è complicato vedere la parola fine. Da definire la posizione di Chianetta. E mercoledì nel turno infrasettimanale c'è la prima della classe, l'ACR Messina.

IL TABELLINO

SSD DATTILO 1980-POL. SANTA MARIA CILENTO 1-1

SSD Dattilo 1980: Giappone, Benivegna (Pace 58'), Nigro, Pagliarulo, Galfano, Di Giorgio (Cicala 70'), Sekkoum (Di Giuseppe 75'), Lupo (Calafiore 86'), Terranova (Iraci 75'), Manfrè, Bonfiglio. A disposizione: Grimaudo, Fragapane, Pirrello, Canino. All. Chianetta

POL. Santa Maria Cilento: Polverino, Konios, Coulibaly (Foufoue 64'), Campanella, Maggio, Citro (Della Torre 88'), Tandara (Simonetti 48'), Bozzoatre (Capozzoli 64'), Maio, De Gregorio, Chiariello. A disposizione: Grieco, Romanelli, Dentice, Romano V., Romano G. All. Esposito

Arbitro: Maksym Frasynyak di Gallarate; assistenti: Edoardo Maria Brunetti di Milano e Cosimo De Tommaso Voghera

Reti: Bonfiglio (rig.) 91', Maggio 95'

Note: Ammoniti Di Giorgio, De Gregorio, Campanella. Espulso per doppia ammonizione De Gregorio al 45'

Calci d'angolo: 7-1

Recuperi: 3' pt; 7' st

In evidenza