Nasce la "Comunità Slow Food dei produttori olivicoli dell'Agro Selinuntino"

Presentazione delle aziende presenti nella Guida Slow Food extravergini 2021 e del progetto della comunità

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
16 Giugno 2021 08:30
Nasce la

Si è svolto Domenica 13 Giugno un incontro con i rappresentanti della aziende olivicole dell'agro selinuntino presenti nella guida degli olii extravergini di Slow Food ; l'occasione è stata rappresentata dalla pubblicazione dell'edizione 2021 in cui sono presenti ben 10 aziende ( di cui due nuove ) su 75 siciliane e 838 complessive in ambito nazionale.

Le aziende presenti in guida Slow Food 2021 sono:

- Az. Agr. Amabile Stefano con "Selinon" , olio biologico certificato;

- Az.Agr. Carmela Turnaturi con "Sette Templi";Dop Nocellara del Belice

- Az.Agr. Centonze Nino con "Case di Latomie" , incluso nel presidio Slow Food dell'olio extravergine italiano;

- Az. Agr. Evo Sicily: con "Embrace", riconoscimento di "Grande Olio"(olio classificato eccellente nella sua categoria);

- Az. Agr. Frantoio Campagna: con " Evo Frantoio di Campagna", olio biologico certificato;

- Az.Agr. Magnus Siculus: con "Evo Magnus Siculus" olio biologico certificato;

- Az.Agr. Marco Bonsignore: con "Kothon Dop Valle del Belice", olio biologico certificato;

- Az. Agr. Frantoio Olivoil con "Geraci" Dop Valle del Belice , olio biologico certificato;

- Az.Agr. Sciabica Giuseppe: con "Oleum";

- Az. Agr. Terre di Selinunte: con "Di Prima" Dop nocellara del Belice.

Ciascun rappresentante è stato invitato a presentare brevemente la propria azienda e l'olio presente in guida; i tempi ristretti per le prescrizioni anticovid non hanno consentito di effettuare la programmata degustazione degli oli presentati; a ciascuna azienda è stato consegnato a nome della Condotta Slow Food Castelvetrano e Agro Selinuntino un attestato per la dedizione e professionalità nella conduzione delle propria azienda e quale riconoscimento delle " buone pratiche agricole dei selinuntini".

Durante l'intervento conclusivo il Dr. Stefano Amabile ha illustrato brevemente il progetto per la costituzione della "Comunità Slow Food degli olivicoltori della Nocellara del Belice", il cui formale avvio è previsto in occasione di un incontro programmato per i prossimi giorni.

La serata ha avuto un'adeguata conclusione con la cena conviviale con menù a base di tonno, magistralmente preparato dallo chef Calcara del ristorante Magie, accompagnato da un fresco e gradevolissimo vino bianco della cantina Casale del Frate, in predicato per essere inserita nella guida Slow Wine.

Foto gallery
In evidenza