Domani Gemma al Teatro Selinus, dramma sui disturbi alimentari

Su iniziativa di Bia Cusumano 28 ragazzi delle superiori parteciperanno per comprendere la delicata tematica

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
27 Novembre 2021 16:33
Domani Gemma al Teatro Selinus, dramma sui disturbi alimentari

Domani, domenica 28 novembre alle ore 17,30, presso il Teatro Selinus di Castelvetrano andrà in scena Gemma, spettacolo con la drammaturgia e la regia di Giada Costa, con Maria Chiara Pellitteri e Silvia Trigona. Una produzione Teatro Libero Palermo. Gemma affronta il conflitto presente in una ragazza che convive con un disturbo del comportamento alimentare. La protagonista compare sulla scena scissa in due, nei comportamenti opposti ed entrambi disfunzionali tra cui oscilla nel corso della sua vita.

Da un lato una Gemma anoressica intrappolata in un vortice di privazione, dall’altro una Gemma vorace alla continua ricerca di qualcosa che riempia il suo vuoto. In fondo, un’unica Gemma alla ricerca di se stessa, attraverso la sofferenza di un corpo dismorfico. Oltre tre milioni di persone in Italia, di cui 2,3 milioni adolescenti, sono affette da un disturbo del comportamento alimentare, con un’età di insorgenza sempre più bassa. Nessuno sceglie di ammalarsi, ma tutti possono chiedere aiuto e infine guarire, accettando che “il dolore non si può misurare, né mangiare” al contrario può accogliere ricongiungendosi con la propria umanità fragile a dispetto dello specchio deformante che alimenta l’ossessione e il disagio dell’insostenibile, quanto inutile, ricerca della perfezione.

Vista l’importanza della tematica, che colpisce anche tanti adolescenti, la consulente per le politiche scolastiche e giovanili del sindaco, la professoressa Bia Cusumano, ha chiesto all’organizzatore di poter destinare un pacchetto di posti a degli studenti castelvetranesi, ripetendo la felice intuizione avvenuta in occasione della rappresentazione della Tosca, avvenuta il mese scorso. Con la duplice valenza sia di far innamorare i giovani dell’arte e del teatro facendo loro vivere la magia delle rappresentazioni, sia per poter stimolare in loro delle riflessioni sul delicato tema. E cosi il direttore artistico Mazzone ha convenuto che per un prezzo simbolico di 50 centesimi di euro , alla rappresentazione parteciperanno anche 28 ragazzi meritevoli, 2 per ogni classe prima di ogni istituto superiore di Castelvetrano. 

In evidenza