Rischio nuovo stop per il personale Asacom a Castelvetrano

Ci scrive il segretario provinciale Sindacato SILAV

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
25 Maggio 2022 09:05
Rischio nuovo stop per il personale Asacom a Castelvetrano

Dalla parte dei Diritti.

Chi è il personale ASACOM?

Chi è l’Assistente all’autonomia ed alla comunicazione?

- Opera a supporto del personale scolastico e sociale e degli operatori sanitari nell’assistenza dello studente con disabilità;

- Supporta personalmente lo studente nella conduzione delle attività scolastiche e dei rapporti relazionali con insegnanti e compagni;

- Conduce attività di supporto all’autonomia, alla comunicazione e all’integrazione;

- Collabora con il personale specializzato dell’istituto scolastico nella realizzazione di attività orientante allo sviluppo di abilità comunicazionali, linguistiche e relazionali, nonchè allo sviluppo dell’autonomia, delle skills, alla rieducazione, riattivazione e al recupero funzionale.

- Partecipa all’individuazione delle politiche inclusive della scuola (PTOF);

- Partecipa alla creazione del Progetto di Vita dell’alunno;

- Monitora e gestisce attività volte al miglioramento della comunicazione dello studente affetto da disabilità con docenti, alunni e gruppo classe;

E’ formato e qualificato nella comunicazione attraverso: Lingua dei Segni Italiana/ Braille/ Malossi/ ABA/ CAA/ Pecss.

A fronte di quanto espresso questa tipologia di personale risulta di fondamentale importanza per il percorso formativo ed educativo del soggetto disabile.

Quello a cui stiamo assistendo in questi giorni nelle scuole del comune di Castelvetrano ha dell’inverosimile in quanto improvvisamente è stato sospeso il servizio da parte degli organi preposti del comune e quindi dall’ufficio dell’istruzione per mancanza di fondi.

Gli operatori del settore sono stati avvisati con una semplice email, come se ormai le comunicazioni passassero solo attraverso questi canali non istituzionali. Le famiglie ignare di tale disservizio, domani, si ritroveranno senza un supporto tecnico e pratico all’interno delle scuole, quindi lasciate e ad affrontare improvvisamente una situazione di abbandono affettivo ed empatico da parte dei bambini che vivono spesso in simbiosi con queste figure.

Tutti gli assistenti alla comunicazione ed all’autonomia non hanno diritti sia per il comune che gestisce la loro destinazione e la loro posizione che per le cooperative che stipulano spesso dei contratti a termine senza assicurarsi della copertura finanziaria che l’ente locale dovrebbe garantire in quanto riceve i fondi necessari dalla Regione. L’interruzione di tale servizio senza preavviso arreca notevoli disagi ai disabili, alle famiglie, agli insegnanti e alla comunità tutta.

Inoltre il personale Asacom non gode come gli altri lavoratori delle festività, della malattia retribuita e addirittura viene penalizzata se il bambino si assenta e non va a scuola.

A questo punto ci chiediamo: in quale Stato di Diritto ci troviamo?

Assicuriamo realmente a chi fruisce della legge 104/92 tutti quei Diritti tanto decantati nell’art.13 comma 3 della stessa legge o li calpestiamo con atteggiamenti, comportamenti ed azioni scorrette fino a limitare quello che rappresenta il Diritto allo studio sancito dalla Costituzione (art.33/34)?

E ancora come può un Ente Locale interrompere un servizio concesso prima della fine dell’anno scolastico? Molti interrogativi necessitano di risposte dagli organi preposti, pertanto a gran voce tutti i lavoratori di questa categoria chiedono l’effettivo prolungamento del servizio a tutela dei minori in questione che sono penalizzati anziché tutelati.

E ancora……chiedono:

garanzia del servizio fino al termine delle attività didattiche per tutti i soggetti disabili come previsto nel contratto firmato all’inizio dell’anno con le rispettive cooperative;

tutela dei lavoratori Asacom e riconoscimento di un contratto secondo i canoni di legge e secondo le linee guida della Regione Sicilia LR del 20/06/2019 che dia garanzie di stabilità e sicurezza alle famiglie.

Detto ciò tutti gli operatori del settore chiedono immediata interlocuzione sia con i rappresentanti del Comune che con il Dipartimento Regionale delle Famiglie e delle Politiche sociali.

Castelvetrano,lì 25/05/2022

Il segretario Provinciale del S.I Lav di Trapani

Mimma Palermo

Tutti i lavoratori ASACOM di Castelvetrano

In evidenza