Mafia: Scimonelli condannato all'ergastolo

Mimmo Scimonelli è considerato vicino a Matteo Messina Denaro

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
23 Luglio 2021 16:26
Mafia: Scimonelli condannato all'ergastolo

La procura della Repubblica presso il tribunale di Trapani, lo scorso 14 luglio, ha dichiarato, Giovanni Domenico Scimonelli detto Mimmo, interdetto in perpetuo da pubblici uffici e in stato di interdizione legale.

Domenico Scimonelli viene condannato all'ergastolo in via definitiva dopo la prima sentenza della Corte d'Assise di Trapani del 17 gennaio 2018, confermata dalla Corte d'Appello di Palermo ed ora passata in giudicato a seguito del rigetto del ricorso da parte dalla Corte Suprema di Cassazione.

A Mimmo Scimonelli nel novembre del 2019, venivano confiscati beni per un valore stimato in 3mln di euro, è un soggetto socialmente pericoloso, che ricopre un ruolo di spicco all’interno della famiglia mafiosa di Partanna, quale anello della catena epistolare facente capo al latitante Matteo Messina Denaro.

confiscati 3mln a Mimmo Scimonelli

La figura di Scimonelli emerge come manager impegnato non solo a gestire gli affari dei suoi supermercati DESPAR e della sua azienda vinicola denominata OCCHIODISOLE S.r.l., ma anche come “postino“ dei pizzini con i quali portava gli ordini del latitante ai boss mafiosi. SCIMONELLI, infatti, è noto alle cronache giudiziarie perché già tratto in arresto nell’agosto del 2015, nell’ambito dell’operazione “ERMES” condotta dalla Polizia di Stato e coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Palermo.

Nel dicembre del 2015, Mimmo Scimonelli veniva, inoltre, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere - a seguito di indagini svolte dalla Polizia di Stato - per il suo coinvolgimento in qualità di ideatore e mandante, dell’omicidio, aggravato dal metodo mafioso, avvenuto nel maggio del 2009 a Partanna di Salvatore Lombardo, “punito” per aver rubato un furgone con a bordo merce di proprietà dello stesso Scimonelli.

In evidenza