Decreto Aiuti, in arrivo 200 euro per pensionati e invalidi

Non sarà necessario formulare alcuna richiesta l'erogazione sarà fatta direttamente dall’Inps

Redazione Prima Pagina Castelvetrano
Redazione Prima Pagina Castelvetrano
22 Giugno 2022 17:02
Decreto Aiuti, in arrivo 200 euro  per pensionati e invalidi

Arriva il caldo, la chiusura delle scuole, la fatica di questi giorni di lavoro, e talvolta arrivano anche notizie, in materia di disabili e non solo che vale la pena condividere, giusto per rinfrescare gli animi e le idee. Il cosiddetto “Decreto Aiuti”, “Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina” .D.L. n. 50 del 17 maggio 2022, esattamente all’art.

32, ha introdotto un’indennità di 200 euro a favore di lavoratori e pensionati, incluse le persone con disabilità.Questa indennitàverrà erogata d’ufficio dall’Inps una tantum, ossia una sola volta, con la mensilità diluglio 2022, con lo stipendio o la pensione che il cittadino riceve. Vi è una condizione prevista per usufruire di questi € 200,00 che è quella di avere un reddito personale assoggettabile ad IRPEF, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali (dal computo del reddito personale assoggettabile ad IRPEF vanno esclusi i trattamenti di fine rapporto, il reddito della casa di abitazione, nonché le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata), che non superiore a €35.000 per l’anno 2021.

I beneficiari di questo una tantum sono:

  • titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria;
  • titolari di pensione o assegno sociale;
  • titolari di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti;
  • titolari di trattamenti di accompagnamento alla pensione;
  • percettori di NaSPI e DIS-COLL nel mese di giugno 2022;
  • beneficiari nel corso del 2022 dell’indennità di disoccupazione agricola di competenza del 2021;
  • lavoratori beneficiari nel 2021 di una delle indennità previste dal Decreto Sostegni e dal Decreto Sostegni bis;
  • lavoratori stagionali a tempo determinato e intermittenti;
  • lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratori autonomi privi di partita IVA;
  • incaricati alle vendite a domicilio;
  • lavoratori domestici che abbiano in essere uno o più rapporti di lavoro;
  • nuclei beneficiari del Reddito di Cittadinanza;
  • lavoratori dipendenti che nel primo quadrimestre del 2022 abbiano beneficiato dell’esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti.

In questa sede è importante specificare che sarà l’Inps che provvederà d’ufficio a erogare il bonus e qualora i soggetti risultino essere titolari di trattamenti non gestiti dall’INPS, il casellario centrale dei pensionati individuerà l’Ente previdenziale incaricato dell’erogazione dell’indennità’ una tantum che provvede negli stessi termini e alle medesime condizioni e verrà successivamente rimborsato dall’INPS a seguito di apposita rendicontazione.

Maria Elena Bianco

In evidenza